Raphidia mediterranea (Aspöck H., Aspöck U., Rausch , 1977)


Femmina, foto Tarasco



Specie a larve presumibilmente terricole (Aspöck et al., 1991).

Specie semivoltina (Aspöck et al., 1991).




Stadi preimmaginali: Aspöck et al.,1991. Ampiezza dell’ala anteriore delle immagini: M da 6,8 a 8,2 mm., F da 8,0 a 10,2 mm.; gli adulti si trovano in natura tra aprile e giugno (Aspöck et al.,1991). Stadio di svernamento: larva. Parassitoidi: Nemeritis sp.


Distribuzione regionale italiana: Emilia Romagna?; Lazio; Campania?; Basilicata, Puglia.


Pubblicazioni e segnalazioni che citano questa specie in Italia:
Rossi, 1790 (?); Scinà, 1818; Costa O.G., 1834; Costa A., 1858; Hagen, 1860b; Dei, 1862 (?), 1868 (?); Disconzi, 1865 (?); Minà-Palumbo, 1871; Costa G., 1874; Cavanna, 1880; McLachlan, 1882; Albarda, 1891; Spada, 1891 (?); Griffini, 1897 (?); Navás, 1906, 1913b; Grandi, 1951; Aspöck, Aspöck et al., 1976; Aspöck et al., 1980, 1991; Divietri, 1993; Letardi & Pantaleoni, 1996; Güsten, 1998; Pera, 2006; Santarcangelo et al., 2007; Romano, 2010a; Piredda, 2011a; Selis, 2011c; I.I, 2013a; Lenzini, 2013b;
AAVV, 2014a; AAVV, 2015a; AAVV, 2016a;



Creative Commons License
tutti i materiali del sito sono rilasciati con Licenza Creative Commons - Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo - 2.5 - Italia.