Puncha ratzeburgi (Brauer, 1876)
 
 

Immagine più grande

Esemplare adulto   Foto A.Letardi

Esemplare adulto  Originale

Immagine più grande

Esemplare  allo stadio pupale Da Aspöck U. 6 H., 1999

Specie a larve subcorticicole legate alle conifere, in particolare pini ed abeti (Aspock et alii, 1974, 1980; Gepp, 1978) ma segnalata anche su varie latifoglie (Pomacee, Quercie, Aceri) (Aspöck et al., 1991). Nell'Appennino romagnolo è stata rinvenuta solo in presenza di abeti, sia rossi che bianchi, nella fascia delle faggete. 

Leggermente più tardiva di Dichrostigma flavipes ed Ornatoraphidia flavilabris, presenta il proprio massimo di volo tra la fine di giugno e l'inizio di luglio. (Pantaloni, 1989a).

Lo sviluppo preimmaginale dura almeno due anni, lo stadio pupale 2/3 settimane (Aspöck et al., 1991).


 

Stadio di svernamento: larva. Parassitoidi: Nemeritis ssp., Tropistes ssp. (Iperparassiti: Perilampus ssp.: Perilampus polipori Boucek in Piemonte).

Ampiezza dell’ala anteriore delle immagini: da 8,5 a 11 mm. (Aspöck et al., 1991).

Distribuzione regionale italiana:

Valle d’Aosta; Piemonte; Lombardia; Trentino Alto-Adige; Veneto; Friuli Venezia Giulia; Liguria; Emilia Romagna; Toscana.

Pubblicazioni che citano questa specie in Italia:

Navás, 1915b, 1933, 1935; Eglin-Dederding, 1967; Minelli, 1977; Aspöck et al., 1974; Aspöck et al., 1980; Aspöck et al., 1991; Pantaleoni, 1988; Pantaleoni, 1990c, 1990d; Cocquemot et al., 1990; Pantaleoni et al., 1994; Bernardi Iori et al., 1995; Hellrigl et al., 1996; Letardi & Pantaleoni, 1996; Pantaleoni & Letardi, 1998; Marcuzzi, 2003; Letardi, 2003; Nicoli Aldini, 2005b; Badano, 2008c; G.S., 2009a; Mammola, 2009?; Badano & Letardi, 2010; Morelli, 2011; Azara, 2013; Balocchi, 2013; AAVV, 2016b?;


Creative Commons License
tutti i materiali del sito sono rilasciati con Licenza Creative Commons - Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo - 2.5 - Italia.