Phaeostigma notatum (Fabricius, 1781)
 
 

Femmina, da Wachmann e Saure, 1997

maschio neosfarfallato, foto Verkest

 

Larva presumibilmente esclusivamente subcorticicola su latifoglie (pero, melo, quercie, betulla, sambuco ed altro) e (con netta preferenza) conifere (pino, abete, larice, peccio); adulti eurieci, localmente predatori chiave di fitofagi importanti, raccolti tra 0 e 2000 m s.l.m. con periodo di volo tra (aprile) maggio e luglio (agosto) (Aspöck et al., 1991).

larva, da Wachmann e Saure, 1997

eupupa, da Wachmann e Saure, 1997

Stadio di svernamento: larva. Parassiti e Parassitoidi: Gregarina raphidiae Acht., Nemeritis caudatula Thoms., Nemeritis specularis specularis Horstm., Nemeritis silvicola Horstm. e Tropistes falcatus Thoms. Iperparassitoidi: Perilampus polypori Bouček

Ampiezza dell’ala anteriore delle immagini: da 9 a 14,5 mm. (Aspöck et al., 1991).

Distribuzione regionale italiana:

Valle d'Aosta; Piemonte; Lombardia; Trentino Alto-Adige; Veneto; Friuli Venezia Giulia; Liguria?; Emilia Romagna?; Toscana?; Abruzzo?.

Pubblicazioni che citano questa specie in Italia:

Reuter, 1894; Pandiani, 1905(?); Grandi, 1955; Aspöck et al., 1975, 1980, 1991; Contarini et alii 1988; Pantaleoni, 1990c; Letardi & Pantaleoni, 1996; Hellrigl et al., 1996; Pantaleoni & Letardi, 1998; Letardi & Biscaccianti, 2005?; Badano, 2008c; Contarini, 2009?; Menghi, 2011b; Hellrigl, 2015; AAVV, 2016a;


Creative Commons License
tutti i materiali del sito sono rilasciati con Licenza Creative Commons - Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo - 2.5 - Italia.