Pseudomallada picteti (McLachlan, 1865)



Adulto dal web ovatura da Aspöck, 2007


Specie le cui esigenze ecologiche devono ancora essere chiarite; predilige comunque latifoglie in località medio-calde (Pantaleoni, 1988), molto comune negli agroecosistemi arborei, in modo particolare negli oliveti; raccolta dal livello del mare sino ai 1500 m. (Aspöck et al, 1980). È presente in natura allo stato adulto da maggio a ottobre.


Stadi preimmaginali: sconosciuti. Parassitoidi degli adulti: Chrysopophthorus sp. (Hymenoptera).


Ampiezza dell’ala anteriore delle immagini: da 10 a 13 mm. (Aspöck et al., 1980).


Distribuzione regionale italiana:


Piemonte; Veneto; Friuli Venezia Giulia; Liguria; Emilia Romagna; Toscana; Umbria; Marche; Lazio; Abruzzo; Campania; Basilicata; Calabria; Sicilia (e isole Eolie); Sardegna (compresa isola di Asinara).


Pubblicazioni che citano questa specie in Italia:


Aspöck et al., 1980; Bullini et al., 1983; Pantaleoni et al., 1985a, 1986a, 1986b, 1988, 1989b, 1990a, 1990c; Pantaleoni et al., 1987; Liber et al., 1988 (?); Caffarelli et al., 1991 (?); Divietri, 1993; Marzocchi et al., 1995; Bernardi Iori et al., 1995; Letardi & Pantaleoni, 1996; Pantaleoni & Letardi, 1997, 1998; Letardi, 1998b, 2015; Nicoli Aldini & Baviera, 2001; Letardi & Maltzeff, 2001; Letardi et al., 2002; Letardi & Biscaccianti, 2005; Thierry et al., 2005; Badano, 2006b; Canard et al., 2006; Molinu et al., 2007; Niolu, 2007c; Cesaroni, 2007; Monserrat, 2008; Badano, 2008c; Badano & Letardi, 2010; Letardi et al., 2010; Ruzzante, 2010d; Canu, 2011e; Lenzini, 2011g; Loru et al, 2011; Bocci, 2012e;


Creative Commons License
tutti i materiali del sito sono rilasciati con Licenza Creative Commons - Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo - 2.5 - Italia.