Coniopteryx arcuata Kis, 1965


Coniopteryx sp. da Flickr.com


Specie dall'ecologia praticamente ignota, forse legata alle latifoglie (Quercus, Fagus, Crataegus); raccolta in aree xeriche tra i 300 e i 1300 m. (Aspöck et al, 1980). È presente in natura allo stato adulto da marzo a novembre (Loru et al., 2011).


Stadi preimmaginali: sconosciuti.


Ampiezza dell’ala anteriore delle immagini: da 1,9 a 2,9 mm. (Aspöck et al., 1980).


Distribuzione regionale italiana:


Lombardia; Trentino Alto Adige; Liguria, Emilia Romagna; Toscana (?); Umbria; Abruzzo; Molise; Campania; Puglia; Basilicata; Calabria; Sicilia; Sardegna.


Pubblicazioni che citano questa specie in Italia:


Aspöck et al., 1980; Monserrat, 1980, 1981, 1994a; Pantaleoni, 1982, 1984, 1986b, 1988, 1990a; Divietri, 1993; Nicoli Aldini, 1994; Bernardi Iori et al., 1995; Lo Verde et al., 1997; Letardi, 1998b; Pantaleoni & Letardi, 1998; Longo et al., 2001; Letardi & Biscaccianti, 2005; Cesaroni, 2007; Badano, 2008c; Badano & Letardi, 2010; Loru et al., 2011;


Creative Commons License
tutti i materiali del sito sono rilasciati con Licenza Creative Commons - Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo - 2.5 - Italia.